Portico di Romagna: la porta verso la Toscana

L'antico borgo è una delle porte del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e Monte Falterona, uno dei parchi più grandi d’Italia, con una riserva biogenetica integrale intonsa da secoli.

Portico di Romagna è anche una delle porte della Toscana. La strada statale 67 Tosco Romagnola è uno dei collegamenti più importanti tra Toscana ed Emilia-Romagna. Comincia a Pisa e finisce a Ravenna. Il percorso si estende su una superficie complessiva di circa 230 km, di cui poco più di 90 in Emilia Romagna Proseguendo dopo il Passo del Muraglione (al confine tra le due regioni di attraversamento), la SS 67 attraversa i comuni di Portico e San Benedetto, Rocca San Casciano, Dovadola, Forlì, Ravenna e raggiunge Marina di Ravenna.


Lungo la Route 67

Seguendo il percorso in direzione nord, si attraversa il confine tra l'Emilia Romagna per entrare nel piccolo borgo di San Godenzo. Lungo la strada incrociamo il paese di Dicomano.

State entrando in Mugello, famoso in tutto il mondo per il circuito internazionale di Moto Gp.

Il Mugello è ricco di Ville Medicee e Castelli appartenenti alla famiglia dei Medici che qui faceva risalire le sue origini. Da visitare il Parco e Villa Demidoff a Vaglia, il Palazzo dei Vicari (Vicario Palace) a Scarperia, e la Villa di Cafaggiolo a Barberino di Mugello

Siete vicino a Firenze. La Rufina è esattamente nella zona del Chianti: vigneti e campi di ulivi che disegnano il paesaggio prima di arrivare a Pontassieve. Situato a 14 km a est di Firenze, nella valle dell'Arno nel punto in cui il fiume Sieve sfocia in Arno, Pontassieve è un buon punto per esplorare i dintorni, Fiesole per esempio.

Benvenuti a Firenze

Dopo soli 71 km, passando attraverso un parco nazionale e la sua bellezza, il Mugello e la storia di Medici e di una parte del Chianti Shire con affascinanti vigneti, si arriva a Firenze. Meno di 2 ore di auto o, se siete motociclisti, in moto. L’itinerario che porta da Portico di Romagna a Firenze può trovare delle valide alternative in percorsi alternativi che scoprono le vigne della Rufina e il suo vino ma anche la storia della famiglia che ha governato Firenze e la Toscana per tanti secoli.